home pageCotignolaScopri il territorio › Arte e cultura
CAPPELLA DEGLI SFORZA
Il sacello o cappella degli Sforza è situata nel corpo della chiesa di San Francesco. Preesistente alla chiesa stessa è ad essa collegato tramite il grazioso loggiato della facciata.
CHIESA CATTOLICA PARROCCHIALE NATIVITA' DI MARIA VERGINE
La costruzione dell'attuale chiesa parrocchiale, in stile neo-classico, risale al 1861, anche se si ha notizia di un antecedente edificio religioso da datarsi al XII secolo.
CHIESA COLLEGIATA DI S. STEFANO PROTOMARTIRE
Sorta nel 1376, la chiesa contiene pale del pittore veronese Felice Torelli (1666-1748), una tavola della scuola bolognese dei Carracci e un pregevole sepolcro scolpito dallo scultore faentino Pietro Barilotto del XVI secolo.
CHIESA DEL PIO SUFFRAGIO
La chiesa, recentemente restaurata dopo i gravi danni inferti dalla Seconda Guerra Mondiale, è oggi Sacrario dei Caduti di tutte le guerre.
CHIESA DELLA MADONNA DI GENOVA (giÓ MADONNA DELLA PILLA)
La chiesa, con una graziosa facciata in stile rinascimentale, insieme al muro destro appartiene all'originaria costruzione del XVI secolo. L'edificio subì gravissimi danni durante la Seconda Guerra Mondiale e venne in gran parte ricostruito.
CHIESA DI S. FRANCESCO
La chiesa conventuale di S. Francesco, in stile gotico-romano, fu edificata nel decennio 1484-1494 grazie alla bolla di autorizzazione concessa da Papa Sisto IV il 6 giugno 1484 e consacrata nel 1495.
CHIESA DI S. SEVERO
Il progetto della chiesa fu realizzato dall'architetto imolese Cosimo Morelli, cui viene attribuita la terza ricostruzione dell'edificio sacro avvenuta nel 1789. Nel 1946, a causa degli ingenti danni subiti durante la Seconda Guerra Mondiale, l'edificio venne restaurato recuperando il primitivo disegno in stile romanico.
DISTRIBUTORE NON AUTOMATICO DI CORAGGIO
Da cabina Enel a Distributore non automatico di coraggio: nel murale realizzato a Cotignola dagli street artists del Collettivo FX di Reggio Emilia, in piazza Amendola (parcheggio della farmacia), ci sono i volti dei quattro Giusti cotignolesi, Luigi e Anna Varoli, Vittorio e Serafina Zanzi, dei sette Martiri del Senio, fucilati dai nazisti nell'ottobre del '44, del partigiano Leno Casadio e del prete Don Stefano Casadio, che liberarono Cotignola con l'operazione “bandiera bianca”, e del giovane partigiano Esiodo Rava.
LA STELE DEI VARII
La stele funeraria di Caio Vario fu rinvenuta nel 1817 presso Cotignola.
MUSEO ARTISTICO VAROLI
Il Museo Varoli si articola in vari spazi contigui: Scuola Arte e Mestieri, la scuola di Varoli ancora attiva con laboratori ed appuntamenti per bambini; Casa Varoli, raccolta eterogenea di opere e oggeti appartenuti o realizzati dall'artista; Casa Magnani, casa del poeta, pittore e ceramista Arialdo Magnani allievo di Varoli; e Palazzo Sforza. Il museo è dedicato alle opere dell'artista cotignolese Luigi Varoli (1889-1958), capo scuola di una numerosa schiera di artisti romagnoli.

Questo sito utilizza i Cookies (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza di navigazione e per raccogliere dati statistici. Continuando la navigazione acconsentirai all'uso dei cookies. accetto   maggiori info
siti internet acticode.it